Gruppo API: da novant’anni sulla stessa strada degli italiani

Novant’anni sulla stessa strada degli italiani. Un anniversario importante, quello che si festeggia a partire da oggi per il Gruppo api, la più grande società del settore dei carburanti e della mobilità, con oltre 4600 distributori a marchio IP, una capacità di raffinazione di 10 milioni di tonnellate di petrolio all’anno e tanti progetti innovativi per il futuro. Per celebrare questo importante anniversario Gruppo api ha realizzato a Roma un’exhibition immersiva “Insieme sulla stessa strada” che ripercorre la storia dell’Azienda in parallelo con quella italiana. La mostra, curata da Balich Wonder Studio realtà creativa punto di riferimento dei grandi eventi nel mondo, racconta in maniera contemporanea il passato e la visione del futuro del Gruppo a tutti gli italiani che vorranno venire a scoprirla dal 12 al 21 ottobre, a Roma presso la Casa delle Armi – Foro Italico in Viale delle Olimpiadi dalle 10.00 alle 18. La mostra, visitabile in circa 30 minuti, avvolgerà il visitatore in un percorso immersivo a cinque tappe. Sarà un viaggio nella storia, nei valori e nella mission che contraddistinguono il Gruppo, e ancor prima di una famiglia, protagonista dei grandi cambiamenti e delle sfide energetiche attraverso quasi un secolo di Storia italiana. L’esposizione si apre, nella prima sala, con due elementi simbolici molto significativi: il cavallino nero – iconico marchio nato dalla penna di una studentessa – e due ampolle contenenti un’essenza che rimanda metaforicamente alla preziosità del petrolio raffinato dal Gruppo.  Passa attraverso momenti iconici della storia, come il lungo sodalizio tra l’azienda e il mondo delle corse con il campione Giacomo Agostini, accompagnato dalla moto che lo ha reso famoso in tutto il mondo, e la voce di Domenico Modugno che cantava “con api si vola” in uno storico Carosello degli anni ’60. La mostra si chiude, infine, con la sala intitolata “Il Futuro”. Dove sta andando il settore della mobilità? Come si può traghettare verso un futuro sostenibile davvero per tutti? L’istallazione al centro di questo spazio prova a offrire una risposta. Il visitatore è trasportato in un viaggio ideale che parte da un distributore degli anni ’30 e arriva a un futuro dove può scegliere la forma di energia che preferisce per muoversi. C’è Optimo, il carburante che riduce i consumi e le emissioni di CO2; ci sono i biocarburanti e poi c’è IPlanet, il nuovo brand dedicato allo sviluppo delle ricariche elettriche ultra-fast nelle aree di servizio.

La Storia

La storia inizia nelle Marche nel 1933, quando il fondatore, l’emiliano Ferdinando Peretti, rileva un deposito di carburanti a Falconara Marittima. Nasce l’api, anonima petroli italiana. Nel 1933 quello dei carburanti in Italia è un settore ancora piccolo, ma in rapida ascesa. L’api cresce e si sviluppa, insieme all’Italia, sempre sotto la guida della famiglia Brachetti Peretti, oggi alla terza generazione. Nel dopoguerra il deposito diventa raffineria, e la rete dei distributori si estende in tutte le regioni, conquistando anche l’autostrada del Sole. Il brand api diventa, nel tempo, un marchio archetipico per gli italiani. Lo slogan “con api si vola”, cantato da Modugno nel Carosello e portato in giro per il mondo dal motociclista più vincente della storia, Giacomo Agostini, è rimasto nella memoria di tante generazioni.

L’api accompagna l’Italia attraverso il boom economico e oltre le crisi petrolifere degli anni 70. E continua a far bella mostra di sé fino a metà degli anni 2000, quando si compie la prima, grande acquisizione: quella di IP dall’Eni. Il Gruppo cambia brand, adotta il logo IP arancio su sfondo blu ancora oggi in uso, e diventa il terzo attore italiano del settore dei carburanti. Passata la fase critica della crisi del 2008 e del 2011, che solo in Italia portano alla chiusura di cinque raffinerie, il Gruppo cresce ancora. Nel 2017, con l’acquisizione di TotalErg, Joint venture tra i francesi di Total e la genovese Erg, nasce il gruppo privato leader nella mobilità italiana: oltre 5000 distributori sulle strade e una logistica che rifornisce porti e i principali aeroporti italiani. È del 2022 l’ultima tappa di questa continua evoluzione: il Gruppo api assimila tutte le attività legate ai carburanti di Esso, branch italiano del colosso USA Exxon Mobil, acquisendo il pieno controllo della Raffineria di Trecate (Novara) e consolidando la sua posizione di attore chiave per la sicurezza energetica del Paese, pronto ad affrontare la sfida della transizione. Non è tutto: solo pochi giorni fa il Gruppo api completa il suo posizionamento futuro. Nasce IPlanet, Joint Venture con gli australiani di Macquarie, per dotare 510 distributori di ricariche elettriche ultrafast.

Commenti

commenti

Michele Antonucci

Classe 1984. Car Enthusiast & Automotive Journalist.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.