New Chrysler 200/New Lancia Flavia attesa per gli inizi del 2014: ecco qualche dettaglio

Sappiamo con certezza che l’erede della Chrysler 200 debutterà ufficialmente agli inizi del 2014 al Salone di Detroit che si tiene a gennaio. Dalle prime indiscrezioni, si pensa che il pianale della nuova Chrysler 200 sarà italiano quindi derivatao da quello dell’Alfa Romeo Giulietta (CUSW) , già utilizzato per la Dodge Dart: la vettura avrà una connotazione molto elegante e raffinata.  La nuova Chrysler 200 dovrebbe offrire il nuovo cambio automatico a nove marce. E’ una anteprima assoluta per Chrysler, che impiegherà questa nuova trasmissione, realizzata dalla ZF, in alcuni modelli della nuova generazione. Al momento Chrysler sta lavorando sull’allestimento delle nuove catene di produzione: l’azienda americana ha investito un miliardo di dollari per ammodernare l’impianto di Sterling Heights. La versione europea della 200 sarà la Lancia Flavia che con questa nuova veste e con cambi/motori giusti sarà sicuramente apprezzata dalla esigente clientela italiana ed europea. Nel frattempo gustiamoci qualche render dagli USA dal blog CarBest.net

New Chrysler 200/New Lancia Flavia MY 2014 - www.guidoitaliano.it -
New Chrysler 200/New Lancia Flavia MY 2014 – www.guidoitaliano.it –
New Chrysler 200/New Lancia Flavia MY 2014 - www.guidoitaliano.it -
New Chrysler 200/New Lancia Flavia MY 2014 – www.guidoitaliano.it –
New Chrysler 200/New Lancia Flavia MY 2014 - www.guidoitaliano.it -
New Chrysler 200/New Lancia Flavia MY 2014 – www.guidoitaliano.it –

Commenti

commenti

2 pensieri riguardo “New Chrysler 200/New Lancia Flavia attesa per gli inizi del 2014: ecco qualche dettaglio

  • 28 Marzo 2013 in 18:25
    Permalink

    il profilo va, ma il frontale è troppo americano; il posteriore mi ricorda macchine giapponesi. Reato in attesa della versione sw

    Rispondi
  • 11 Maggio 2013 in 22:00
    Permalink

    E’ semplicemente italiana e bellissima!
    Speriamo la producano veramente; rappresenta una
    validissima alternativa allo strapotere di questi
    “tedeschi”!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.