Fiat Chrysler:ecco i risultati del secondo trimestre 2011

IL NUOVO CONSOLIDATO FIAT-CHRYSLER (CHE INCLUDE CHRYSLER DAL 1° GIUGNO 2011) HA REGISTRATO NEL
SECONDO TRIMESTRE 2011 RICAVI PER 13,2 MILIARDI DI EURO E UN UTILE DELLA GESTIONE ORDINARIA DI 525 MILIONI DI EURO. L’UTILE NETTO DI 1.237 MILIONI DI EURO HA BENEFICIATO DI UNA PLUSVALENZA ATIPICA DERIVANTE DALL’ACQUISIZIONE DEL CONTROLLO DI CHRYSLER CHE, AL NETTO DI SVALUTAZIONI DI ATTIVITA’ IMMATERIALI E ALTRI ONERI ATIPICI, AMMONTA A 1.058 MILIONI DI EURO. L’INDEBITAMENTO NETTO INDUSTRIALE E’ PARI A 3,4 MILIARDI DI EURO E LA LIQUIDITA’ TOTALE CONSOLIDATA SI E’ ATTESTATA A 19,2 MILIARDI DI EURO.

FIAT CHRYSLER

A SEGUITO DEL CONSOLIDAMENTO DI CHRYSLER E DEL MIGLIORAMENTO DEI RISULTATI DELLE ALTRE ATTIVITA’ DI FIAT, IL GRUPPO RIVEDE AL RIALZO I TARGET PER L’ANNO IN CORSO, CON RICAVI ATTESI DI OLTRE 58 MILIARDI DI EURO, UTILE DELLA GESTIONE ORDINARIA DI CIRCA 2,1 MILIARDI DI EURO E UTILE NETTO DI CIRCA 1,7 MILIARDI DI EURO. L’INDEBITAMENTO NETTO INDUSTRIALE CONSOLIDATO DEL GRUPPO E’ ATTESO TRA 5,0 E 5,5 MILIARDI DI EURO CIRCA. FIAT ESCLUSA CHRYSLER HA REGISTRATO RICAVI DI 10
MILIARDI DI EURO (+6,5%) CON IL RISULTATO DELLA GESTIONE ORDINARIA A 375 MILIONI DI EURO IN CRESCITA DEL 22,1% NONOSTANTE LE DIFFICILI CONDIZIONI DI MERCATO IN EUROPA. L’INDEBITAMENTO INDUSTRIALE NETTO SI E’ ATTESTATO AL DI SOTTO DI UN MILIARDO DI EURO, NONOSTANTE L’ESBORSO DI 1,3 MILIARDI DI DOLLARI PER LA QUOTA DEL 16% ADDIZIONALE DI CHRYSLER. FORTE FLUSSO
DI CASSA OPERATIVO E LIQUIDITA’ A 12,2 MILIARDI DI EURO. CHRYSLER HA CONTRIBUITO IN MODO RILEVANTE AI RISULTATI DEL GRUPPO CON I RICAVI DEL MESE PARI A 3,3 MILIARDI DI EURO E UN UTILE DELLA GESTIONE ORDINARIA DI 150 MILIONI DI EURO.

• I ricavi di 13,2 miliardi di euro (10 miliardi euro esclusa Chrysler) riflettono la crescita a doppia cifra dei marchi Sportivi e di Lusso e dei Componenti e Sistemi di Produzione. Fiat Group Automobiles migliora del 2,7%.

• L’utile della gestione ordinaria è cresciuto a 525 milioni di euro. Escludendo Chrysler, l’utile della gestione ordinaria è stato di 375 milioni di euro, con un margine salito al 3,8% (3,3% nel secondo trimestre 2010). L’aumento di 68 milioni di euro rispetto all’anno precedente è stato determinato principalmente dall’ottima performance dei Componenti.

• L’utile netto è stato pari a 1.237 milioni di euro, influenzato da proventi netti atipici di 1.058 milioni di euro, determinati dalla valutazione della quota detenuta in Chrysler in conseguenza del consolidamento, al netto di altri oneri atipici. Senza considerare tali componenti atipiche e il relativo effetto fiscale, l’utile netto
sarebbe pari a 156 milioni di euro. Escludendo Chrysler, l’utile netto depurato delle componenti atipiche, sarebbe pari a 76 milioni di euro (in miglioramento di 68 milioni di euro rispetto al secondo trimestre 2010).

• L’indebitamento netto industriale complessivo è stato pari a 3.407 milioni di euro, di cui 979 milioni di euro (489 milioni di euro a fine Marzo 2011) riferiti a Fiat esclusa Chrysler. Il flusso di cassa del periodo, positivo per 391 milioni di euro, è stato più che compensato dall’esborso di 1.268 milioni di dollari (881 milioni di euro) versati a Chrysler per la quota addizionale del 16% (su base diluita).

• La liquidità complessiva è di 19,2 miliardi di euro. Quella relativa a Fiat esclusa Chrysler è pari a 12,2 miliardi di euro, 0,9 miliardi di euro inferiore al livello del 31 Marzo, principalmente per effetto del pagamento relativo alla sottoscrizione del 16% di partecipazione in Chrysler.

• A seguito del consolidamento di Chrysler e del miglioramento dei risultati delle altre attività di Fiat sono stati rivisti al rialzo i target per l’anno in corso (inclusa Chrysler per 7 mesi), con ricavi consolidati di oltre 58 miliardi di euro, risultato della gestione ordinaria di circa 2,1 miliardi di euro, utile netto di circa 1,7 miliardi di euro e indebitamento netto industriale nell’intorno di 5,0-5,5 miliardi di euro circa. Ci si attende che la liquidità resti elevata (circa 18 miliardi di euro)

SCARICA IL PDF CON TUTTI I DATI del secondo trimestre 2011

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.