La scommessa per il futuro di Fiat Chrysler riparte da Ginevra

Il piano di rilancio del gruppo italo-americano inizia ad entrare nel vivo con la presentazione al Salone di Ginevra 2011 nello stand Lancia di ben cinque anteprime mondiali: la nuova Ypsilon 5 porte, la concept Flavia berlina e cabriolet, la Thema e la Voyager che prende il posto della Phedra.

Non si erano mai viste tante novità per la casa di Chivasso negli ultimi venti anni ad un unico salone! Questo Salone segna maggiormente l’integrazione tra Lancia e Chrysler, dato che la Thema è la Nuova 300 presentata a gennaio e venduta negli USA, la Flavia è la 200 appena lanciata negli States ed infine la Voyager da sempre punto di riferimento nel segmento delle maxi monovolume è americana al 100%, anche se avrà sotto il cofano gli italianissimi Multijet. La Nuova Yspilon 5 porte, invece, segna la continuità con un modello che dalla Y10 ad oggi ha imposto un nuovo modo di concepire l’utilitaria…. snob, elegante e raffinata, che in tutta Europa sarà marchiata Lancia. Quest’ultimo modello sarà venduto con marchio Chrysler in Gran Bretagna, Irlanda e nel resto del mondo. Non è esclusa la commercializzazione negli USA se le vendite della Fiat 500 avranno un discreto successo.

null

Riflettori puntati sulla Thema, con annessa trazione posteriore che oltre ai Pentastar V6 yankee è equipaggiata anche con un 3.0 V6 Multijet II con 190 e 224 cv di origine Vm, da pochi giorni detenuta al 50% dal Lingotto. Peccato che la concorrenza tedesca sfoderi più cv a parità di cilindrata e segmento di mercato.
L’erede della Thesis entro novembre 2011 la vedremo in concessionaria.
Sulla commercializzazione della Flavia berlina e cabriolet il top management ancora non ha deciso ufficialmente.

null

La scommessa di Marchionne per il raggiungimento dei sei milioni di esemplari alla fine del 2014 sembra all’inizio, ma non si era mai visto così tanto calore ad un salone nei confronti dei marchi italiani. Marchionne sta innovando il settore automotive con sfide sempre più ambiziose, ma fattibili ; con una credibilità internazionalmente riconosciuta che nessun top manager del Lingotto ha mai avuto in passato.
Le novità non sono terminate qui, poiché nello stand Alfa Romeo è presente una innovativa concept che diventerà realtà entro la fine del 2012: si tratta della 4C, con un peso di soli 850 kg con l’utilizzo massiccio di carbonio e con il 1750 TBI con 240cv (Turbo benzina con iniezione diretta) Made in FPT, già sotto il cofano della Giulietta Quadrifoglio Verde, della 159 e della Lancia Delta. Permette una accelerazione sotto ai 5 secondi nello 0-100 e con un prezzo di poco sotto i 50mila euro. L’Alfa Romeo ha finalmente presentato un prodotto al di sopra di tutte le concorrenti, facendo rivivere altri tempi nei quali il Biscione era l’assoluto sinonimo di sportività e non aveva rivali alla sua altezza.

null

Harald Westner ha promesso la fattibilità della commercializzazione entro l’ultimo trimestre del prossimo anno.
La Multipla, la Croma e l’Ulysse sono stati sostituiti dal 7 posti Fiat Freemont, che deriva dalla Dodge Journey, ma profondamente rivista negli interni ed equipaggiata anche con un 2.0 diesel Multijet con 170cv, e successivamente anche con il 3.0 V6 Multijet II oltre ai classici V6 Pentastar.

null

Sempre nello stand Fiat è presente anche una concept di Fiat 500 Coupè by Zagato.

null

Una ventata di novità come non si vedeva da molto, troppo tempo, ora la parola spetta al mercato per vedere se questi prodotti saranno apprezzati dal pubblico, questa è un’altra sfida per il top manager italo-canadese che sarà sicuramente superata anche questa volta con tenacia, pragmatismo e velocità superiore rispetto ai concorrenti.

Consigliamo la visione della galleria fotografica scattata dai reporter di Autoblog.it

Vedi lo speciale di Automobilismo.it dedicato alla Nuova Lancia Ypsilon >>>

Articolo di Michele Antonucci pubblicato sul sito della testata giornalistica www.zeroventiquattro.it

Commenti

commenti

Michele Antonucci

Classe 1984. Car Enthusiast & Automotive Journalist.

Un pensiero su “La scommessa per il futuro di Fiat Chrysler riparte da Ginevra

  • 6 Marzo 2011 in 22:10
    Permalink

    Mitica la Lancia THEMA del 1984! Ricordo quel periodo quando la presentarono, praticamente in contemporanea con l’Alfa Romeo ALFA 90, caduta inesorabilmente nell’oblio. Ricordo che ero all’inizio del secondo anno di università e andai alla Lancia a vederla con altri 2 amici di studi. Mi sembrò da subito bella, ma quella coda….. non mi convinceva! Pensai: se avesse una coda squadrata tipo ALFA 90……sarebbe perfetta! Mi sbagliavo! Negli anni successivi mi resi conto che invece quella coda era perfetta così come Giugiaro l’aveva disegnata. Era un’auto all’avanguardia, sia stilisticamente che dal punto di vista della meccanica. Era alla pari, se non superiore, ai modelli Mercedes e Bmw del tempo di pari categoria. Peccato che poi, con K e THESIS, la Lancia non sia stata più in grado di produrre auto altrettanto belle e di successo!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.