Behind the Wheel: verso una vendemmia sempre più sostenibile con un trattore cingolato da vigneto New Holland Agriculture equipaggiato con motore FPT Industrial F28 Natural Gas alimentato a biometano ottenuto tramite il processo di digestione anaerobica di residui agricoli

“Benvenuti nel luogo più bello del mondo”, esordisce radioso Andrea Farinetti, produttore di Barolo della prestigiosa casa vinicola Fontanafredda nelle Langhe, un territorio dalla forte vocazione vitivinicola. In questo luogo unico al mondo, New Holland Agriculture e FPT Industrial, rispettivamente il marchio del segmento agricolo e il marchio motoristico di CNH Industrial N.V (NYSE: CNHI/MI: CNHI), hanno unito le forze per contribuire ad accelerare ciò che Farinetti chiama il nuovo “Rinascimento verde”, ovvero la transizione verso una viticoltura sempre più sostenibile all’interno dell’azienda. La missione di Fontanafredda è quella di creare un processo di produzione a basso impatto ambientale, dall’inizio alla fine. L’unico tassello mancante era un trattore a emissioni zero, un’esigenza che il prototipo di New Holland con motore FPT Industrial alimentato a biometano è perfettamente in grado di
soddisfare. Nel nuovo episodio di Behind the Wheel, il trattore viene ripreso dall’alto mentre percorre sapientemente le pendenze più scoscese e i terreni scivolosi che caratterizzano i vigneti da cui nascerà il prezioso Barolo. Questo speciale prototipo è stato appositamente progettato per Fontanafredda a partire da un trattore cingolato da vigneto New Holland Agriculture. Il motore FPT Industrial F28 Natural Gas è alimentato a biometano ottenuto tramite il processo di digestione anaerobica di residui agricoli nell’ottica di promuovere un’economia circolare. Attraverso una serie di coinvolgenti interviste agli artefici del progetto, viene mostrato come la collaborazione tra Fontanafredda e CNH Industrial sia nata dal desiderio condiviso di promuovere una viticoltura sempre più sostenibile. Questa partnership contribuisce a spianare la strada per arrivare a produrre il primo Barolo a emissioni zero al mondo. Il successo del trattore a biometano rappresenta un’altra pietra miliare nel percorso verso la decarbonizzazione dell’agricoltura per CNH Industrial e i suoi brand L’entusiasmo di Andrea Farinetti è contagioso e dal suo viso traspare palpabile l’enorme soddisfazione di poter un giorno affermare che il suo vino sarà a emissioni zero.

Commenti

commenti

Michele Antonucci

Classe 1984. Car Enthusiast & Automotive Journalist.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.