Panda Raid 2019, Fiat Panda Cross è il campione del deserto

Giunta alla sua undicesima edizione, il rally di regolarità Panda Raid riservato alle auto 4×4 e 4×4 Panda realizzate prima del 2003 è diventato un classico nel calendario del Rally Raid, che è la categoria della leggendaria Dakar, pur mantenendo lo spirito dilettantistico. Quest’anno ci sono stati circa 400 panda d’epoca da tutto il mondo sulla linea di partenza a Madrid. Partirono per percorrere oltre 3.000 chilometri, dalla capitale spagnola a Marrakesh, la perla del deserto.

La carovana colorata attraversava luoghi inaccessibili che sarebbero stati una dura sfida anche per molti fuoristrada esperti e di grandi dimensioni. Il percorso non ha rimandato l’inarrestabile Fiat, che si è dimostrata ancora una volta perfettamente a suo agio nei villaggi allagati dal sole e su sentieri sabbiosi. Alle auto d’epoca si unì l’attuale Fiat Panda Cross 4×4, con motore TwinAir Turbo 0.9, che copriva l’intero tracciato con il marchio di fabbrica, arrivando persino in soccorso di alcuni veterani impegnati sulle dune del deserto. Fu un simbolico passaggio di consegne tra passato e presente per la Fiat che dal 1980 è stato il manifesto della “libertà su quattro ruote” scelto da oltre 7,5 milioni di automobilisti in tutta Europa.

Dopo essere partito da Madrid (l’8 marzo), la pittoresca carovana si è diretta verso la costa, più precisamente verso il porto di Motril, da dove si è trattato di una breve corsa in traghetto fino alla diga Mohamed V in Marocco. È qui che il raid ha preso il sopravvento, affrontando sentieri deserti, zone sabbiose, scorci del deserto e paesaggi infiniti a perdita d’occhio, toccando le città di Bel-Frissate, Maadid, Merzouga, Tazoulait e Tansikht. La fase finale è stata il 15 marzo, finendo nella leggendaria Marrakesh.

Accolto con entusiasmo dalla gente del posto, il campione del deserto è stato l’attuale Panda Cross 4×4, il naturale successore della leggendaria Panda 4×4 lanciata 35 anni fa, che combina il sistema di trazione tipico di un vero fuoristrada con le dimensioni compatte e l’agilità di una macchina della città. La Panda Cross è in grado di superare qualsiasi ostacolo, grazie a ulteriori 2,2 centimetri di altezza da terra rispetto alla configurazione 4×2 e alle sue misure caratteristiche che consentono un angolo di approccio di 24 °, un angolo di sfondamento di 21 ° e un angolo di partenza di 34 °. Il comportamento di guida fuoristrada molto rispettabile è assicurato dal sistema di trazione integrale permanente – che Panda ha introdotto per la prima volta nel segmento – abbinato al Drive Mode Selector che offre tre diverse impostazioni (Auto, Off-Road e Gravity Control). Più in dettaglio, nella posizione “Auto”, la Panda Cross 4×4 si comporta come una macchina a trazione anteriore e le ruote posteriori ricevono più trazione solo quando necessario. Nella posizione “Off-Road”, invece, la coppia viene distribuita su tutte e quattro le ruote e la forza motrice viene trasferita a quelle con la maggior aderenza a terra dall’ELD (Electronic Locking Differential). Infine, con il selettore in posizione “Gravity Control”, il sistema agisce sui freni su discese più ripide per mantenere il controllo ottimale della vettura.

Il successo della “Panda Raid 2019” integra i numerosi record tecnologici e di vendita del modello. Non a caso, Panda è stata la city car più venduta in Europa negli ultimi 15 anni e leader indiscussa in Italia dal 2012. Oltre ad essere stata la prima city car con 4WD (1983), la Panda è stata anche la prima auto nel suo segmento per vincere l’ambito titolo “Car of the Year” (2004) e nello stesso anno è stata anche la prima city car a salire a un’altitudine di 5.200 metri al campo base dell’Everest. Nel 2013, è stata la prima vettura della sua categoria a introdurre una frenata d’emergenza autonoma. L’anno scorso, la Panda Waze, la Panda più sociale di sempre, è stata la stella di Pandino (CR) del più grande raduno di Panda al mondo con 365 macchine diverse provenienti da tutta Europa.

CLASSIFICA FINALE PANDA RAID 2019

Categoria 4×4

1) Francisco Javier Vila – Lluis Torrescasana

2) Paolo Colasanti – Enrico Marasca

3) Xavi Garcia – Pol Morral

4×2 Categoria

4) Ivan Rodriguez – Mariela Gilsanz

5) David Lopez – Juan Maria Merino 

6) Alvaro Hernan – Carlos Hernan

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.